• Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
  • Consorzio Solidarietà
You are here: Home
HOUSING SOCIALE SENIGALLIA: PROGETTO AUTORECUPERO CESANELLA PDF Stampa E-mail
INFO: 338/89.87.154 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Da € 30.000,00 a € 45.000,00 a fondo perduto per ogni appartamento. È l'entità del contributo messo a disposizione dalla Regione Marche per il progetto di Cesanella. Ancora alcuni appartamenti liberi delle due palazzine (vedi immagine qui sotto).

Come mostra l'immagine le palazzine si sviluppano su due piani (Piano Terra e Piano Primo); tutti gli appartamento hanno ingresso indipendente, giardino privato e tantissimo verde comune; gli appartamenti al piano superiore sono anche dotati di un terrazzo di 9 metri quadri (2 x 4,5), più balcone cucina. Ogni appartamento è dotato di un parcheggio privato (più altri parcheggi pubblici realizzati a ridosso del complesso residenziale), nonchè l'edificazione di spazi comuni non residenziali a disposizione dei proprietari della abitazioni. Clicca qui per vedere il rendering.

Gli appartamenti saranno realizzati attraverso la riqualificazione di un'area già edificata, in modo da evitare il consumo di nuovo suolo.

Leggi tutto...
 
HOUSING SOCIALE JESI: PROGETO AUTORECUPERO SAN MARTINO PDF Stampa E-mail

Il progetto di housing sociale prevede un processo di autorecupero di un immobile di proprietà del Comune di Jesi, situato in pieno Centro Storico: il "Complesso San Martino",si trova tra Via Pastrengo e Via Palestro (perpendicolari a Corso Matteotti) a 450 metri dal Teatro Pergolesi e 320 metri dall'Arco Clementino.

Il progetto di edilizia residenziale sociale mediante la metodologia dell’autorecupero associato e assistito prevede il coinvolgimento dei futuri assegnatari degli alloggi nella realizzazione delle proprie abitazioni, consentendo la riduzione del costo finale della casa e favorendo lo sviluppo di relazioni solidali tra i cittadini. Il progetto gode di un finanziamento a fondo perduto della Regione Marche di € 560.000,00 che consenta di ridurre i costi di ogni alloggio da € 30.000,00 a € 50.000,00.

I cittadini interessati possono presentare domanda presso il Comune di Jesi compilando il seguente modulo: Domanda Autorecupero San Martino.

Info: Dott. Lucio Cimarelli - 338/89.87.154 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Leggi tutto...
 
5 X 1000 = 01370630426 | PER GARANTIRE CASA, LAVORO, SALUTE, SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE ED EQUITÀ SOCIALE PDF Stampa E-mail

Nel 2015 il nostro impegno si concentrerà sulle nuove vulnerabilità prodotte dalla crisi economica, attraverso tre progetti che mirano a garantire diritti fondamentali: casa, lavoro, salute, sostenibilità ambientale ed equità sociale.

Accordaci la tua preferenza nel 5 X 1000 scrivendo il nostro Codice Fiscale 01370630426 nell'apposito spazio della Dichiarazione dei Redditi.

01370630426 per aiutarci a costruire concretamente una società rispettosa nei confronti di tutti, a partire dai diritti dei più deboli e vulnerabili.

Il tuo 5 X 1000 per sostenere tre progetti di giustizia sociale:

  • Promozione di un Centro di Prossimità per garantire l'offerta di beni e servizi gratuiti e/o a prezzi ridotti sia cittadini indigenti, sia per garantire diritti universalistici alla generalità degli abitanti, per non costruire un sistema di protezione sociale residuale e stigmatizzante, ma per stimolare forme di reciprocità, di mutualismo e di cittadinanza attiva.
  • Progetto di Turismo Accessibile e Sostenibile: per creare occupazione attraverso la destagionalizzazione delle attività turistiche, con particolare riferimento al turismo sociale e accessibile.
  • Housing Sociale, Autocostruzione, Autorecupero e Co-Housing: per cercare di garantire il diritto alla casa a quella fascia di popolazione troppo ricca per le case popolari, ma che fa fatica ad acquistarla a prezzi di mercato, per contenere il consumo di suolo e per stimolare forme di condivisione e reciprocità.

 
Dall'Adriatico agli Appennini. Territorio accessibile, turismo per tutti PDF Stampa E-mail

Dal verde dell’Adriatico al verde dei prati e dei boschi dell’Appennino.
Un viaggio emozionante alla scoperta di centri minori ricchi di storia, archeologia, tradizioni, profumi e sapori.
Questa piccola porzione di Regione, che va da Senigallia ad Arcevia, riassume tutte le caratteristiche naturali, storiche e artistiche della nostra bella Italia, dai reperti archeologici romani dell'Antica Città di Suasa, ai grandi artisti rinascimentali, ai palazzi del Ducato del Montefeltro, incorniciati dagli splendidi paesaggi collinari in un ambiente di completo benessere che rende le Marche la regione più longeva d’Italia.

Una vacanza alla scoperta di un paesaggio tra i più mutevoli e caratteristici con molteplici elementi di interesse e di eccellenza sul piano paesaggistico e ambientalistico: l’andamento prima collinoso e poi montuoso offre panorami suggestivi.

Per non perdere l’occasione di visitare questo meraviglioso territorio, diamo la possibilità di prenotare tutti i servizi per una bella e rilassante vacanza per tutti. I turisti con bisogni speciali sono benvenuti; ogni nostro sforzo è teso a far sì che tutti possano fruire della vacanza e del tempo libero in modo appagante, senza ostacoli né barriere, in condizioni di sicurezza e comfort, selezionando strutture e i luoghi accessibili a tutti. INFO: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Leggi tutto...
 
CENTRO DI PROSSIMITÀ: COS'È E COME FUNZIONA PDF Stampa E-mail

Da pochi mesi è attivo sul territorio di Senigallia un Centro di Prossimità. Ne discutiamo con Lucio Cimarelli, coordinatore del progetto, a cui chiediamo, anzitutto, di spiegarci di che cosa si tratta

Si tratta di un progetto che il Consorzio Solidarietà gestisce sul territorio di Senigallia, su mandato dalla Fondazione Ebbene. Abbiamo anche la possibilità di estenderlo e replicarlo in tutto il territorio regionale.

Il progetto si rivolge a tutti i cittadini: famiglie, operai, impiegati, insegnanti, studenti, ecc., con un'attenzione particolare alla cosiddetta fascia “grigia” della popolazione, cioè a quelle persone che fino a qualche anno fa avremmo definito come “ceto medio”, ma che oggi tanto medio non è più, essendo sempre più esposto al rischio di smottamento verso situazioni di fragilità sociale: perdita del lavoro, separazioni, invecchiamento, allentamento o assenza delle reti informali di solidarietà, ecc. sono condizioni sociali diffuse che espongono al rischio di vulnerabilità sociale ed economica.

Leggi tutto...
 
GIOVEDÌ 26 MARZO 2015: EVENTO CONCLUSIVO ANNUALITÀ 2014 "RIPRENDIAMOCI IL FUTURO" | PROGETTO DI TURISMO ACCESSIBILE E SOSTENIBILE PDF Stampa E-mail

 

Giovedì 26 marzo 2015, alle ore 09:00, presso l'Aula Magna dell'Istituto Tecnico Corinaldesi si è svolto l'evento conclusivo del progetto Riprendiamoci il Futuro - annualità 2014, durante il quale si è dato conto del lavoro svolto nel 2014 e si sono tracciate le linee guida per il 2015. Guarda le foto della giornata.

Studenti e docenti del Corinaldesi hanno presentato i risultati sulla mappatura delle strutture alberghiere, quindi è stato presentato un primo pacchetto turistico da parte del Tour Operator Terrerranti che sarà commercializzato già da aprile.

Il Prof. Minardi ha fatto il punto sul nostro progetto di sviluppo locale, valutandone punti di forza e di debolezza, anche in una prospettiva comparata con altre situazioni. Ha chiuso il ciclo d'interventi Alberto Di Capua sui network turistici.

Hanno partecipato alla Tavola Rotonda Massimiliano Polacco per la Camera di Commercio; Mario Ruggini per la Regione Marche; Marco Manfredi per Federalberghi; Giacomo Cicconi Massi per OASI-Confartigianato; Roberto Frulla per CNA.

Leggi tutto...
 
COOPERATIVE PRIDE: la cooperazione sociale autentica, dopo il Sacco di Roma PDF Stampa E-mail

di Gianfranco Marocchi
Pubblicato su Notizie in Rete n. 360 - 8 dicembre 2014 - Newsletter del Consorzio Nazionale Idee in Rete

 

Quanta tristezza e amarezza nel vedere sui giornali il nome della cooperazione sociale associato ad episodi di gravissima illegalità! Cooperatori che danno soldi a persone con ruoli pubblici per assicurarsi commesse; e questo, per di più, non in una singola occasione, ma come sistema per condizionare in modo permanente la destinazione di risorse pubbliche.

Certo che si tratta di mele marce in un sistema sano, che i giornali ci ricamano sopra - quando si tratta di cooperative ciò viene rimarcato quasi il misfatto fosse legato all'essere cooperativa, mentre a nessuno verrebbe in mente che se una s.r.l., una s.p.a. o una s.a.s. corrompe qualcuno ciò sia legato alla sua natura giuridica di tali imprese -, certo che vi è un fastidiosissimo moralismo che da anni viene utilizzato contro chi opera nel sociale, sintetizzato da frasi quali "prendono soldi pubblici per assistere minori", "il business degli immigrati", quasi che essere pagati per lavorare, tra mille sacrifici, a favore dei più deboli sia di per sé deprecabile.

Certo che alle tante cooperative dove dirigenti e lavoratori da mesi si privano del necessario per poter accogliere minori arrivati sulle nostre coste per i quali le istituzioni pagano con drammatico ritardo, sentir dire che gli immigrati fanno guadagnare più della droga fa ribollire il sangue. E si potrebbe continuare a lungo su distorsioni di questo tipo.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 2

Chi è online

 2 visitatori online