18 dicembre 2017

Terranuova Bracciolini

20181218_120610

Il progetto di autocostruzione di Terranuova Bracciolini (AR) prevede la possibilità di acquistare casa a prezzi agevolati, attraverso il Progetto di Autocostruzione dell’area PEEP “Il Poderino”.

L’area è stata ceduta in diritto di superficie dal Comune di Terranuova Bracciolini alla Cooperativa Terra-Nova, per 99 anni rinnovabili per altri 99.

Si tratta di un percorso di edilizia sociale dove i futuri proprietari parteciperanno alla costruzione della loro casa. Il progetto gode di un contributo a fondo perduto della Regione Toscana di complessivi € 640.000,00 che andranno ad abbattere di € 40.000,00 il costo di ogni singolo alloggio.

DOVE? L’area si trova nella zona nord di Terranuova Bracciolini (AR), in Val d’Arno.

QUANTE CASE VERRANNO REALIZZATE? Verranno realizzati 16 appartamenti che saranno ceduti in proprietà superficiaria ai cittadini in possesso dei requisiti previsti dal bando regionale soci della Cooperativa Edilizia di Abitazione “Terra-Nova” che realizzerà l’opera anche grazie alla collaborazione con il Consorzio Solidarietà, che individua e mette a disposizione tutte le necessarie professionalità e competenze. I 16 appartamenti sono suddivise in 4 palazzine di 2 piani ciascuno e sono dotate anche di garage seminterrato, box auto e piccola cantina. Vengono realizzate 2 tipologie di appartamenti: Grande e Piccolo; cliccando sui rispettivi link puoi visualizzare le planimetrie.

Taglio del nastro inaugurazione cantiere autocostruzione terranuova bracciolini

QUANTO BISOGNA LAVORARE? Ogni famiglia può portare in cantiere 2 o 3 persone, uomini e donne, anche senza esperienza, che complessivamente dovranno lavorare approssimativamente 900 ore, in un arco di circa 16-18 mesi.

Cantiere Terranuova

CHI REALIZZA LE CASE? L’intervento edilizio è progettato dallo Studio Artifex. Gli autocostruttori non sono mai soli in cantiere: le case saranno realizzate dall’impresa Von Delly di Firenze che metterà a disposizione tutte le figure professionali e le attrezzature necessarie, per garantire una perfetta esecuzione dell’opera.

QUAL È LA QUALITÀ DELLE CASE? Le case hanno un livello di qualità medio-alta con attenzione ai principi bioclimatici e di bioedilizia.

IMG-20190503-WA0013(1)QUANTO COSTANO LE CASE? La Cooperativa Terra-Nova ha deliberato i seguenti imponibili di stima per la cessione degli alloggi ai propri soci:

  • Appartamento piccolo € 151.000,00
  • Appartamento grande € 174.000,00

COME SI COMPRA LA CASA? La Cooperativa Terra-Nova ha ottenuto un mutuo da Banca Etica. Terminati i lavori, IMG-20190129-WA0007ciascun socio assegnatario diventerà proprietario della propria casa e si accollerà la propria quota di mutuo.

A CHE PUNTO È IL PROGETTO? Il cantiere è stato avviato il 23 novembre 2018 e la fine lavori è prevista per agosto 2020.

POSSO PARTECIPARE AL PROGETTO? Sì certo! Puoi entrare a far parte del gruppo dei soci o della lista di attesa. Per farlo è sufficiente contattare i seguenti recapiti: housingsociale@consorziosolidarieta.it | 338/89.87.154) e compilare la Manifestazione di Interesse (non impegnativa) che puoi compilare direttamente on-line cliccando qui.

VENGONO COSTRUITE SOLTANTO LE CASE? No, curiamo anche la dimensione sociale. Oltre agli edifici si costruisce anche la comunità, le relazioni. Il bisogno abitativo si stratifica su diverse dimensioni: avere un tetto sopra la testa, avere un luogo in cui ripararsi dal freddo e dal caldo risponde ad un importante bisogno primario, ma rappresenta solo una parte del problema. Quando pensiamo alla casa, pensiamo soprattutto alle persone, alla famiglia, alle relazioni, agli amici, alla comunità.
IMG-20190129-WA0006Se non si coglie anche questa dimensione, ci si ferma ad un livello superficiale; le liti condominiali, i rapporti di indifferenza tra “vicini”, mettono in luce il fenomeno di persone che sono vicine fisicamente, ma lontanissime sul piano relazionale. Questa ambivalente dimensione sociale, ovvero essere contemporaneamente vicini e lontani, attraverso una prossimità fisica ed una distanza relazionale, genera i cortocircuiti che tutti conosciamo.
Il progetto lavora anche su questa dimensione, mettendo al centro il “senso del noi”, cioè la dimensione comunitaria, la costruzione del bene comune, trasformando un insieme di cittadini inizialmente accomunati soltanto dal bisogno di avere una casa, in un gruppo basato su senso di appartenenza, coesione, solidarietà, mutualità, reciprocità, prossimità, condivisione. Vogliamo costruire un nuovo modello di abitare che attraverso l’auto-mutuo aiuto, sia anche in grado di migliorare la qualità dell’abitare, la qualità della vita ed in ultima istanza anche ridurre la vulnerabilità sociale, la solitudine ed il disagio.
Si tratta di un obiettivo ambizioso e sfidante che vogliamo perseguire con determinazione. Se assumiamo questa dimensione, se raccogliamo la sfida di costruire insieme un nuovo modello di abitare, si aprono orizzonti molto vasti e prospettive di senso molto interessanti che crediamo valga la pena esplorare.

COME POSSO CHIEDERE INFORMAZIONI? Invia una mail a
housingsociale@consorziosolidarieta.it, oppure chiama il 338/89.87.154

DICONO DI NOI (RASSEGNA STAMPA)
Di seguito trovi una narrazione multimediale del progetto ed una rassegna stampa; clicca sui titoli per aprire i documenti collegati
Stasera Italia (Rete4) (03 02 2019)
TG3 Toscana – (01 02 2019)
Valdarno24 (01 02 2019)

Arezzo Notizie (02 02 2019)
Valdarno Post (01 02 2019)
Ex Partibus (01 02 2019)
MET-Firenze (01 02 2019)
Expartibus (31 01 2019)